Il 28 giugno del 1914 venne assassinato a Sarajevo l’arciduca Francesco Ferdinando d’Austria per mano di Gavrillo Princip, membro dell’organizzazione politico-rivoluzionaria “Giovane Bosnia”

L’evento fu la causa scatenante della dichiarazione di guerra dell’Austria alla Serbia e di conseguenza dello scoppio della Prima Guerra Mondiale. Il conflitto vide inizialmente in ballo gli Imperi Centrali di Germania e Austria-Ungheria contro la Serbia, ma nel giro di poche settimane, per via delle alleanze formatasi nel corso dell’Ottocento, entrarono nel conflitto gli stati dell’Intesa e le rispettive colonie, per poi arrivare negli anni successivi a includere molte altre nazioni nel mondo, tra cui Stati Uniti e Giappone. La guerra si concluse l’11 novembre del 1918 con la firma di armistizio da parte della Germania e lasciando dietro di sé una scia di oltre 16 milioni di morti. Fu l’ultima guerra di trincea ma fu anche il primo grande conflitto in cui si usarono tutti i mezzi moderni, come le armi chimiche e i bombardamenti aerei.